Flyer_Blog

 
Il 20 aprile, al settimo piano del tribunale di Milano si è svolta la prima udienza del processo per i quattro compagni accusati di ‘devastazione e saccheggio’ per il corteo del primo maggio noexpo.
Il GUP Nunnari ha negato la richiesta, presentata dalla difesa, della consulenza di parte che ha analizzato le immagini agli atti per collocare esattamente nello spazio-tempo le condotte contestate agli imputati. Pur senza il perito, tali filmati saranno comunque prodotti in aula come memorie ed in quanto prove. La requisitoria del PM Basilone avrà luogo il 5 maggio alle 9:30, data in cui presidieremo il tribunale.
Attualmente si sono costituiti parte civile Unicredit banca per 870000 euro di danni a due filiali ed il ministero dell’Interno che chiede 300000 euro di “danni di immagine” e 8000 euro di ore di straordinario da pagare alla digos. La richiesta del dicastero di Alfano è da ascriversi, secondo il giudice, al ‘solo’ reato di resistenza e non a quello di devastazione. La seconda udienza con le arringhe della difesa sarà il 9 giugno con possibile sentenza.

Intervista all’avvocato Losco su Radio Onda d’Urto

Nel frattempo dalla Grecia è arrivato il NO anche della corte d’appello ateniese all’estradizione dei 5 studenti in quanto la responsabilità collettiva ed il capo di imputazione devastazione e saccheggio non esistono nella giurisdizione ellenica